La tutela legale

L’assicurazione di Tutela Legale è il contratto con il quale l’impresa di assicurazione, verso pagamento di un premio, si obbliga a prendere a carico le spese legali e peritali o a fornire prestazioni di altra natura, occorrenti all’assicurato per la difesa dei suoi interessi in sede giudiziale, in ogni tipo di procedimento, o in sede extragiudiziale, soprattutto allo scopo di conseguire il risarcimento di danni subiti o per difendersi contro una domanda di risarcimento avanzata nei suoi confronti.

Esiste la piena legittimità che gli Enti Pubblici assumano le Spese Legali a favore di Amministratori e dipendenti coinvolti in procedimenti giudiziari civili e penali per cause connesse all’espletamento del mandato o incarico di ufficio, a condizione che:

  • si tratti del compimento di fatti o atti direttamente connessi al’espletamento del servizio e all’adempimento dei compiti d’ufficio
  • non emerga alcun conflitto di interessi con l’Ente di appartenenza
  • Sia riconosciuta l’assenza di dolo o colpa.

Le spese legali nel giudizio contabile

COSA DICE LA LEGGE

Legge N° 97/2001

Art.6 comma 2 – Disposizioni patrimoniali
Nel caso di condanna per delitti di cui al capo I del titolo II del libro secondo del Codice Penale commessi a fini patrimoniali, la sentenza è trasmessa al procuratore generale presso la Corte dei Conti, che procede ad accertamenti patrimoniali a carico del condannato.

Art.7 comma 1 – Responsabilità per danno erariale
La sentenza irrevocabile di condanna pronunciata nei confronti dei dipendenti indicati nell’articolo 3 per i delitti contro la Pubblica Amministrazione previsti nel capo I del titolo II del libro secondo del Codice Penale è comunicata al competente procuratore regionale della Corte dei Conti, affinché promuova entro trenta giorni l’eventuale procedimento di responsabilità per danno erariale nei confronti del condannato.

Legge N° 639/1996

Art.3 comma 2 bis In caso di definitivo proscioglimento ai sensi di quanto previsto dal comma 1 della legge 14 gennaio 1994 n.20, come modificato dal comma 1 del presente articolo, le spese legali sostenute dai soggetti sottoposti al giudizio della Corte dei Conti sono rimborsate dall’Amministrazione di appartenenza.

Commenti

La Pubblica Amministrazione, così come i suoi Dipendenti o Amministratori, possono incorrere, durante l’espletamento del servizio e all’adempimento dei compiti d’ufficio, in situazioni che li vedano costretti a ricorrere ad un legale per difendere i propri interessi.

Secondo il c.c.n.l., l’onere di questa spesa compete all’Ente di appartenenza. Per non gravare ulteriormente le casse comunali è possibile scaricare queste spese attraverso la stipula di una polizza di Tutela Legale.

Questa polizza copre le spese legali sostenute dall’Amministrazione Comunale per casi che riguardano il Comune stesso, i propri Amministratori, Consiglieri, Dipendenti e Segretario, che siano attinenti alle proprie mansioni svolte all’interno del Comune.

Nelle condizioni di polizza sono compresi i seguenti casi:

  • Spese del legale della controparte in caso di soccombenza
  • Spese per intervento di Consulenti Tecnici e Periti
  • Le spese processuali nel processo penale
  • Le spese per gli atti giudiziari, se non a carico della controparte in caso di soccombenza di quest’ultima
  • Difesa Penale per delitti colposi e contravvenzioni
  • Recupero danni a persone e/o a cose
  • Resistenza davanti al Giudizio Ordinario o al T.A.R.
  • Chiamata in causa della Compagnia che assicura la Responsabilità Civile, in caso di Inattività della stessa
  • Azioni legali nei confronti di Compagnie Assicurative.

In qualunque caso, il Legale è liberamente scelto dall’Ente.

Spetta comunque all’Ente curare la tutela dei propri interessi, e non alla compagnia assicurativa, che si occuperà solamente del rimborso delle spese sostenute, dando comunque assistenza al legale incaricato dal Comune, nel caso quest’ultimo lo ritenga opportuno.

Per quanto riguarda i procedimenti della Corte dei Conti nei confronti di Dipendenti od Amministratori Pubblici, inizialmente spetterà all’Ente anticipare le spese legali per il proprio Dipendente o Amministratore. Questi, in caso di condanna, dovrà poi restituire tutte le spese che l’Ente aveva sostenuto per la difesa. Per ovviare a questo aggravio economico a carico del Dipendente o Amministratore, oggi è possibile scaricare questa spesa su una polizza assicurativa che lo stesso può stipulare, ma a proprie spese, come da legge 244/2007.